Booking.com punta sugli innovatori del turismo sostenibile

Booking.com punta sul turismo sostenibile: una delle maggiori società al mondo di e-commerce nel settore dei viaggi e leader nella tecnologia digitale, ha creato un programma per individuare e sostenere le start up e le organizzazioni no profit che operano in questo settore.

“Il Booking Booster, i nostri nuovi Booking Labs e il Booking Cares Fund sono stati ideati appositamente per fornire supporto agli attori principali e più innovativi che operano nei differenti settori del complesso ecosistema rappresentato dal turismo sostenibile”, afferma Gillian Tans, CEO di Booking.com.

Gli incentivi sono partiti nel 2017 con 2 milioni di euro e hanno riscontrato un grande successo per questo a dicembre è stato lanciato il programma 2018 con l’ambizione di ampliare le iniziative e di investire altri 4 milioni di euro nel corso dell’anno.

Il turismo sostenibile del resto è un mercato dai numeri significativi come dimostrano i dati. Una ricerca ha stimato che nel Regno Unito per ogni sterlina spesa per visitare un luogo d’arte vengono spese 1,60 sterline in altre attività economiche. Nel 2013 il 52% dei cittadini europei ha visitato almeno un monumento o un sito storico e il 37% un museo o una galleria d’arte nel proprio Paese, mentre il 19% è andato all’estero.

Booking Booster 2018 per le giovani imprese

“Le start up nel settore del turismo sostenibile con le quali abbiamo lavorato quest’anno con il programma Booking Booster ci hanno dato una tale ispirazione che abbiamo deciso di rinnovare il nostro impegno e dare supporto anche alle realtà che hanno appena iniziato il loro percorso”, ha spiegato Gillian Tans, CEO di Booking.com

Attraverso questa iniziativa Booking.com intende selezionare giovani imprese che si occupano di turismo sostenibile, che parteciperanno a maggio a un acceleratore di 3 settimane ad Amsterdam con lezioni, workshop pratici e sessioni di coaching. L’obiettivo è aggiudicarsi un finanziamento fino a 500 mila euro del fondo totale di 2 milioni per far crescere la propria impresa.

Booster Labs workshop per start-up che muovono i primi passi

Un’altra iniziativa, Booster Labs, constata di una serie di brevi programmi che si svolgono nel corso di vari week-end in giro per il mondo e per tutto il corso del 2018.

Si tratta di laboratori ad-hoc per start-up alle prime armi nel settore del turismo sostenibile, alle quali vengono offerti gli strumenti e le competenze necessarie per farle crescere, massimizzare il loro raggio d’azione e aumentare il loro impatto nel settore in cui operano.

Il finanziamento ha un valore compreso tra i 10.000 e i 25.000 euro.

Booking Cares Fund finanziamento per il no-profit

Booking Cares Fund è infine un programma che assegnerà premi per un valore totale di 2 milioni di euro a supporto di singole organizzazioni no-profit attive nel settore del turismo sostenibile, le quali, con le loro proposte e soluzioni cercano di fare la differenza. Il finanziamento compreso tra 100.000 e 250.000 euro per ognuna, vuole far emergere progetti rivoluzionari e innovativi per apportare contributi positivi nel turismo.

 

Booking.com si sta impegnando a perseguire un obiettivo fondamentale: impattare positivamente a livello globale e si propone di contribuire a tutelare il patrimonio mondiale puntando su soluzioni innovative al problema del sovraffollamento (per prevenire gli effetti negativi associati al turismo di massa in campo economico, ambientale e socio-culturale) e su strategie imprenditoriali che promuovano la crescita di un turismo inclusivo, che a sua volta sia in grado di sostenere e sviluppare le economie e le comunità locali.